Raccolto 211.575 €

Fondazione Umberto Veronesi

Le innovazioni hanno sempre cambiato la vita delle persone.

Soprattutto quelle della scienza, primariamente volte a farci vivere a lungo e in salute.

Per questo dal 2003 la Fondazione Umberto Veronesi ha scelto di sostenere la ricerca scientifica. Ad oggi, grazie al contributo di privati e aziende, ha finanziato oltre 900 ricercatori in ambito oncologico, cardiologico e delle malattie neurodegenerative.

La Fondazione ha a cuore anche la divulgazione scientifica, affinché le scoperte vengano comunicate a tutti, per permettere di fare scelte libere e consapevoli, e le buone regole della prevenzione e i corretti stili di vita diventino patrimonio dell’intera collettività. Per questo promuove ogni anno iniziative e pubblicazioni destinate ad ogni fascia d’età.

In tutte le sue attività la Fondazione dedica un’attenzione particolare all’etica e al rispetto della libertà della persona, valori distintivi che la rendono unica.

 

Come puoi aiutarci

Un compleanno, un matrimonio, una commemorazione, una festa, un’impresa sportiva o qualsiasi altra sfida: c’è sempre un buon motivo per essere solidale! Diventa Fundraiser su Rete del Dono e aiutaci a fare la differenza! Scegli il progetto che più ti sta a cuore, apri la tua pagina di raccolta fondi e invita tuoi amici a donare. Cosa aspetti … bastano pochi click per far partire la tua raccolta!

Diventa fundraiser

  • Pink is Good - Running Team

    “Queste donne hanno un’esistenza che merita di non essere circoscritta a un referto, anche ribellandosi a una società che per ignoranza o indifferenza spesso volta le spalle alla sofferenza umana o la relega al di fuori della partecipazione civile. Queste donne, invece, continuano a essere cittadine, lavoratrici, amiche, madri e nonne, compagne; dipingono, corrono, leggono, discutono, pensano. «......

  • Pink is Good - Running Team

    “Queste donne hanno un’esistenza che merita di non essere circoscritta a un referto, anche ribellandosi a una società che per ignoranza o indifferenza spesso volta le spalle alla sofferenza umana o la relega al di fuori della partecipazione civile. Queste donne, invece, continuano a essere cittadine, lavoratrici, amiche, madri e nonne, compagne; dipingono, corrono, leggono, discutono, pensano. «......

Loading…